Come fare per aprire una lavanderia a gettoni

Hai dei soldi da investire? Cerchi un business che possa occuparti metà giornata oppure possa conciliarsi con un altro lavoro? Inizia a prendere in considerazione l’ipotesi di aprire una lavanderia a gettoni. Cerchiamo per prima cosa di capire che cos’è una lavanderia a gettoni e cosa significa gestirla.

La lavanderia a gettoni è un locale attrezzato con macchinari atti al lavaggio degli indumenti, quindi lavatrici, essiccatori, asciugatrici e stiratrici. Il cliente entra e può usufruire dei macchinari in completa autonomia, avvalendosi appunto di gettoni oppure di carte prepagate. Si può anche considerare l’ipotesi che vi sia un servizio di assistenza al cliente, presente nel locale.

Anche il detersivo e l’ammorbidente in genere sono messi a disposizione della lavanderia.

Ovviamente, rivolgersi alle lavanderie a gettoni è indicato qualora il cliente debba lavare gli stessi capi che altrimenti laverebbe in casa. Per la pulizia di indumenti invece particolarmente elaborati o delicati, è sempre opportuno rivolgersi alle lavanderie tradizionali, dove personale specializzato può occuparsi di capi particolari.

Lo scopo del cliente che si reca in una lavanderia a gettoni è quello di risparmiare tempo. Inoltre, molte persone in casa non hanno l’asciugatrice e nemmeno la possibilità di stendere il bucato all’aperto oppure non hanno il tempo di aspettare che si asciughi all’aria, per questo ricorrono alle lavanderie a gettoni.

Recarsi presso una lavanderia a gettoni permette di risparmiare sulla bolletta della luce e dell’acqua, qualora esse abbiano dei prezzi molto competitivi. Spesso quindi famiglie numerose, turisti, studenti, persone di passaggio preferiscono rivolgersi ad un simile servizio per avere il bucato pulito in poco tempo.

Per aprire una lavanderia a gettoni occorre avviare una attività imprenditoriale. Questo significa per prima cosa aprire una partita Iva, iscriversi presso il Registro delle Imprese della Camera di Commercio. Occorre poi comunicare la propria attività al Comune di riferimento, aprire la posizione Inail ed Inps. Il locale scelto deve avere il rilascio di idoneità igienica da parte della Asl.

Avere una lavanderia a gettoni con macchine che possono lavorare anche h24 non richiede altro che una costante manutenzione, il rifornimento dei prodotti per le macchine, la pulizia degli spazi. Ovviamente se aumentano i servizi offerti questo potrà aumentare anche gli introiti di fidelizzare la clientela. E’ opportuno infatti poter dotare il locale di televisori, per far trascorrere il tempo di attesa con più intrattenimento oppure si può aggiungere un angolo con degli snack, un distributore di bevande.

La location della lavanderia non è da sottovalutare, sarebbe da prediligere i luoghi di passaggio, dove si assembrano più persone. Vicino ai centri commerciali, agli uffici, all’università, ai centri sportivi, etc.

La sicurezza per un luogo che può essere anche visitato solo dal cliente, senza personale addetto, è la prima cosa poi da considerare. Quindi le porte dovrebbero essere a chiusura automatica, l’ambiente è opportuno abbia telecamere di sorveglianza.

Per aprire una piccola lavanderia a gettoni di 40 mq circa poi essere necessario e sufficiente un budget iniziale di 50.000 euro per l’acquisto del macchinario e per la location. A ciò si aggiungono poi le spese vive per le utenze, per l’assicurazione dello spazio, per la manutenzione. Facendo una stima molto generica, si può affermare che circa il 35% dei ricavi totali annui rappresenta il guadagno dato dall’attività di una lavanderia a gettoni.  Se pensate che possa essere una buona strada da percorrere, buona fortuna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.