Come fare per sapere quanti punti hai sulla patente

Dal 2003, è stata introdotta la patente a punti. Quando si commette un’infrazione del codice della strada, vengono tolti alcuni punti sulla patente. La partenza è da un totale di 20 punti, ogni 2 anni possono essere aggiunti 2 punti qualora non si commettano infrazioni, altrimenti i punti vengono detratti. Il massimo dei punti cumulabili sulla patente è di 30 punti, oltre non è possibile avere.

Come si fa dunque per conoscere quanti punti si hanno sulla patente? La via più semplice è quella di connettersi con il Portale dell’Automobilista. Si tratta di un sito web del Ministero dei Trasporti che permette di effettuare il controllo punti patente, oltre a mettere a disposizione una serie di altri servizi legati ai veicoli. Per la consultazione ed usufruire dei servizi, è necessario registrarsi, compilando un apposito form. In alternativa, è possibile fare richiesta dell’informazione telefonando al numero 848.782.782. al costo di una telefonata urbana, attivo h24. Occorre digitare la propria data di nascita a il numero di patente seguito dal tasto cancelletto.

Un altro modo per conoscere quanti punti si hanno sulla patente, è tramite l’app iPatente. L’applicazione si può scaricare direttamente dall’Apple Store oppure da Google Play. L’applicazione appartiene alla Motorizzazione Civile. Dallo smartphone potranno essere controllati i punti della propria patente ma anche effettuare altre verifiche, come ad esempio la scadenza del documento, la data della revisione, lo stato di eventuali pratiche in corso presso la Motorizzazione Civile.

Se vi accorgete che il saldo punti sulla patente è molto basso o addirittura prossimo allo zero, non bisogna disperare, perché i punti si possono recuperare. Una modalità automatica consiste nel non incorrere in infrazioni per due anni consecutivi, così da vedersi accreditati due punti in più sulla patente per ogni biennio di “buona condotta”. Esistono però anche dei corsi dedicati presso le autoscuole e presso il Ministero dei Trasporti i quali permettono di recuperare punti. Dopo 12 ore di lezione, si possono recuperare fino a 6 punti, fino ad un massimo di 20. Si tratta di corsi in cui vengono discussi argomenti relativi al codice della strada e non sempre è necessario un esame finale ma si possono anche solo testimoniare le presenze a lezione.

Se la patente risulta con “punti patente finiti”, come da comunicazione trasmessa per posta a casa, si può circolare lo stesso. Però, il soggetto titolare della patente deve entro 30 giorni provvedere alla revisione della patente stessa. Questo significa che il soggetto deve rivedere la propria idoneità alla guida, sostenendo nuovamente l’esame sia tramite il quiz scritto che l’esame pratico di guida. Se si supera l’esame, vengo recuperati anche i 20 punti iniziali. Se non ci si presenta all’esame, la patente viene ritirata e riconsegnata solo una volta superato l’esame. Se invece l’esame non si supera, allora il titolare della patente vede la propria patente ritirata per un anno, al termine del quale potrà presentarsi di nuovo all’esame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.